1. Home
  2. Magazine
  3. Decreto 231, buone prassi e modelli organizzativi per azzerare i rischi

Decreto 231, buone prassi e modelli organizzativi per azzerare i rischi

Saper gestire al meglio la compliance normativa per non incorrere in gravi sanzioni, anche penali, è di fondamentale importanza per ogni azienda. Soprattutto alla luce delle maggiori responsabilità in capo alle organizzazioni stabilite dal decreto legislativo 231.

Ecco perché Fòrema segnala l’incontro dal titolo “La responsabilità da reato degli enti”, che si terrà il 21 ottobre 2019 alle ore 9 nell’Aula Magna “Galileo Galilei” del Palazzo del Bo, in via VIII Febbraio a Padova.
L’appuntamento, promosso da Assindustria Venetocentro, Ordine dei Commercialisti di Padova, Guardia di Finanza – Comando Provinciale di Padova, e dal Dipartimento di Diritto Pubblico internazionale e Comunitario, vuole fare il punto proprio sulle problematiche applicative del decreto e sulle buone prassi che le aziende possono mettere in campo per ridurre al minimo i rischi.

La responsabilità degli enti prevista dalla 231

Il Dlgs 231, approvato l’8 giugno del 2001, ha introdotto per la prima volta nell’ordinamento la responsabilità in sede penale degli enti, che si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto illecito, adeguando la normativa nazionale in materia di responsabilità delle persone giuridiche ad alcune convenzioni internazionali a cui l’Italia ha aderito.
L’ampliamento della responsabilità mira a coinvolgere nella punizione di alcune fattispecie di illeciti penali il patrimonio degli enti e gli interessi economici dei soci, i quali, fino alla sua entrata in vigore, non subivano conseguenze dalla realizzazione di reati commessi, con vantaggio della società, da amministratori e/o dipendenti.

I temi al centro dell’incontro

Nel corso dell’incontro del 21 ottobre la Guardia di Finanza presenterà casi di prassi operative nel contrasto ai reati economici. Grazie poi alla presenza di docenti universitari, esponenti delle associazioni di categoria e magistrati, si analizzerà nel dettaglio il catalogo dei reati previsto dal decreto (in continuo aggiornamento) e si approfondirà il tema dell’adozione di modelli organizzativi di gestione e di controllo, con un focus sulle Pmi del territorio.

Per scaricare il programma, Locandina_Decreto231.

 

Per iscriversi all’incontro, compilare il form.







 

Informativa privacy
 

Menu