1. Home
  2. Magazine
  3. Inail, nei primi 10 mesi del 2019 in Veneto calano gli infortuni mortali sul lavoro (-18%)

Inail, nei primi 10 mesi del 2019 in Veneto calano gli infortuni mortali sul lavoro (-18%)

Sono stati 82 i morti per infortunio sul lavoro in Veneto da gennaio ad ottobre del 2019: 18 in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. È l’Inail ad evidenziarlo sulla base dei dati analitici delle denunce di infortunio – nel complesso e con esito mortale – e di malattia professionale presentate all’Istituto nei primi 10 mesi del 2019.

In attesa di una quantificazione più precisa, possibile solo con il consolidamento dei dati dell’intero anno, gli open data pubblicati offrono alcuni spunti. A livello nazionale le denunce di infortunio sul lavoro presentate all’Istituto tra gennaio e ottobre sono state 534.314 (+0,04% rispetto allo stesso periodo del 2018), 896 delle quali con esito mortale (-5,2%). In aumento le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 51.055 (+2,6%).

L’analisi territoriale mostra una diminuzione delle denunce di infortuni con esito mortale nel Nord-Ovest (da 260 a 232), nel Nord-Est (da 235 a 209) e al Sud (da 203 a 190), e un aumento nel Centro (da 174 a 185) e nelle Isole (da 73 a 80). A livello regionale spicca il decremento rilevato in Veneto (18 decessi in meno per un totale di 82) e gli incrementi nel Lazio (+11), nelle Marche e in Sicilia (+10 per entrambe).

A livello provinciale è a Verona il maggior numero di infortuni mortali totali (24), seguita da Vicenza (17), Padova (13), Venezia e Treviso (10), Rovigo e Belluno (4). Osservando, invece, la situazione degli infortuni mortali verificatisi in occasione di lavoro, a contare più vittime è Vicenza con 14 morti. Ed è seguita da Verona con 13 vittime, poi Padova con 7, quindi Treviso con 6, Rovigo e Venezia a quota 3 e, infine, Belluno con 2 morti.

Le proposte di Fòrema per la sicurezza

Per venire incontro alle esigenze delle imprese in materia di sicurezza sul lavoro Fòrema offre formazione e consulenza personalizzata, grazie ai corsi a catalogo, quelli svolti direttamente in azienda e quelli in modalità e-learning, fornendo inoltre aiuto concreto per l’espletamento degli obblighi di legge in ambito di valutazione dei rischi, gestione dei macchinari, e consulenza sulla normativa tecnica.

Menu