1. Home
  2. Magazine
  3. MODELLO OT23 2021: ALCUNI CHIARIMENTI DELL’INAIL

MODELLO OT23 2021: ALCUNI CHIARIMENTI DELL’INAIL

Tramite una nota operativa del 11 settembre 2020, la Direzione Centrale Rapporto Assicurativo di INAIL ha pubblicato un elenco delle domande poste più frequentemente riguardanti la compilazione del modello OT23 per l’anno 2021 e dunque relativo agli interventi di prevenzione messi in atto nell’anno 2020 dalle aziende che consentono accesso alla riduzione del tasso medio di tariffa per prevenzione.
I chiarimenti presentati all’interno del documento riguardano tanto le caratteristiche e le definizioni impiegate per descrivere gli stessi interventi di prevenzione, quanto la documentazione probante richiesta per attestare la corretta esecuzione delle attività preventive.

Gli interventi oggetto di chiarimento sono:
– B-5 Installazione di sistemi di comunicazione per telefono cellulare dotati di dispositivi fissi con chiamata vocale diretta su tutti i mezzi aziendali che non ne fossero già provvisti;
– C-5.1 Attuazione di accordo o protocollo con una struttura sanitaria per un programma di prevenzione dell’insorgenza di malattie cardiovascolari e/o di tumori nei lavoratori;
– D-3 Interventi di micro-formazione come rinforzo della formazione erogata in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
– E-3 Adozione o mantenimento di un SGSL rispondente ai requisiti delle Linee Guida UNI INAIL ISPESL e Parti Sociali, o da norme riconosciute a livello nazionale e internazionale;
– E-5 Adozione o mantenimento di un modello organizzativo e gestionale di cui all’art.30 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., anche secondo le procedure semplificate di cui al D.M. 13/2/2014;
– E-17 Adozione di un sistema di rilevazione dei quasi infortuni e attuazione di misure migliorative idonee a impedire il ripetersi degli eventi rilevati;
– F-2 Avvenuta formazione specifica di lavoratori addetti all’utilizzo del defibrillatore in possesso dell’azienda, laddove per l’azienda non sia obbligatoria per legge l’adozione di un defibrillatore;
– F-6 Effettuazione della prova di evacuazione almeno una volta l’anno, con verifica dell’esito, per aziende ove sono occupati meno di 10 lavoratori e dove sia predisposto un piano per la gestione dell’emergenza in caso di incendio.

Per un maggior approfondimento riportiamo in allegato, il testo integrale delle domande e risposte pubblicate da INAIL in merito al FAQ-OT23-2021-aggiornato-al-11-9-2020

Menu